Si torna a scuola: intervista con il preside della scuola di Qayyarah
12-04-2018 | di COOPI

Si torna a scuola: intervista con il preside della scuola di Qayyarah

La piccola città di Qayyarah ha sofferto, e sta ancora subendo le dannose conseguenze delle azioni dell’ISIS in Siria. Nel corso degli ultimi mesi, la città è stata più volte bersaglio, e numerosi edifici sono stati incendiati e/o distrutti, costringendo a evacuazioni massicce e provocando la perdita dei mezzi di sostentamento per diversi membri delle comunità locali.
A marzo 2018, COOPI ha avuto l’opportunità di sedersi, per parlare conShahir Ahmed Khalaf, preside della scuola per ragazzi di Qayyarah, rasa al suolo dal gruppo terrorista. Qui, grazie a un progetto svolto in collaborazione con la locale ONG AFKAR e finanziato da AICS (Agenzia italiana per la Cooperazione allo Sviluppo), COOPI sta aiutando giovani studenti a continuare i loro studi, malgrado la situazione drammatica.

Sig. Khalaf, La ringrazio per l’intervista e il tempo dedicato. Innanzitutto, se lo desidera, potrebbe presentarsi?
Mi chiamo Shahir Ahmed Khalaf, preside della scuola per ragazzi di Qayyara. Vengo dall’Iraq e ho 60 anni.

Potrebbe darmi qualche informazione su questa città, Qayyarah?
Certo. Qayyarah è una cittadina piacevole e bella, a sud di Mosul, sulla riva occidentale del fiume Tigri nel Nineveh Governorate .Il suo nome deriva dalla parola araba “catrame”, poiché l’area è ricca di petrolio pregiato e di solfuro.

Posso chiedere cosa è accaduto alla scuola?
È stata danneggiata da attacchi aerei, che hanno sparato 4 razzi. Io e gli insegnanti ci siamo recati a scuola, al mattino, e abbiamo trovato una distesa piatta- non c’erano più edifici.

Cosa hanno fatto COOPI e AFKAR per la nuova scuola provvisoria?
COOPI ha fornito 8 roulotte, generatori, banchi, materiale di cancelleria per ogni alunno. Ci hanno anche dato mappe del mondo e dell’Iraq, come può vedere. Ci hanno aiutato, consentendo ai nostri alunni di continuare gli studi.

Qual è la cosa più importante cui hanno contribuito COOPI e AFKAR in questa scuola?
Siamo loro grati, perché ci hanno consentito di stare sulle nostre gambe e di andare avanti- per continuare l’istruzione e il lavoro con i nostri alunni.

Cosa mi dice degli studenti? Ha visto qualche cambiamento, dopo aver iniziato le attività ricreative e didattiche?
I nostri studenti sono molto contenti ogni qualvolta vedono le roulotte. Ciò dà loro la spinta a studiare sodo, per prendere voti alti nelle prove finali.

Quali sono le attuali necessità della scuola?
COOPI è pronto a darci quanto ci serve. In questo momento, abbiamo maggiormente bisogno di libri di storia, letteratura e scienze per creare una nuova biblioteca.

Ha qualche domanda o vorrebbe aggiungere altro?
Va bene così. Voglio solo ringraziare ancora una volta COOPI per l’aiuto.