Kassala: la vita rinasce dall'acqua
01-07-2019 | di COOPI

Kassala: la vita rinasce dall'acqua

Marginalizzazione, sottosviluppo e povertà cronica affliggono lo stato del Kassala da tempo, rendendolo uno degli stati sudanesi più vulnerabili a fenomeni climatici estremi, siccità e inondazioni.

Le conseguenze disastrose di questi eventi sui mezzi di sostentamento della popolazione locale hanno aggravato ulteriormente le già precarie condizioni di vita.

Per rispondere a questa situazione di emergenza multidimensionale, COOPI ha avviato a dicembre 2018 il progetto “Promozione della resilienza al cambiamento climatico delle popolazioni più vulnerabili nello stato di Kassala” finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS).

Il progetto, che si concluderà a dicembre 2019, raggiungerà circa 35.737 persone tra la popolazione sfollata e residente consentendo, attraverso un approccio integrato, di aumentare l’accesso all’acqua come parte integrante della strategia di sicurezza alimentare e nutrizionale.

Acqua più sicura e pulita

Come sottolinea Giampaolo Pastorelli, Capo Progetto di COOPI a Kassala: “La popolazione continua a soffrire una combinazione di sottosviluppo, incapacità di accedere ai servizi di base e ricorrenti siccità e inondazioni che riducono la fertilità del terreno. Per questo, fra le priorità delle popolazioni target, l’accesso all’acqua è sicuramente la più importante” .

Seguendo questo logica, il miglioramento dell’approvvigionamento idrico permetterebbe di utilizzare acqua sicura per la preparazione degli alimentiriducendo così l’incidenza di malattie legate all’acqua e potenziando nel contempo la produzione di alimenti, quali ortaggi e cereali, per arricchire e diversificare la dieta delle comunità.

Per riuscirci, rafforzeremo lo schema idrico esistente con pompe solari, riabiliteremo quattro pozzi superficiali per l'agricoltura e impianto di distribuzione (Hand Pump), risaneremo due pozzi profondi con relativi impianti di distribuzione e promuoveremo attività di sensibilizzazione per diffondere buone pratiche igienico-sanitarie, rivolte soprattutto a donne, bambini e adolescenti.

L'agricoltura per uscire dall’insicurezza alimentare

Nonostante abbia un buon potenziale per l’agricoltura, la regione del Kassala si presenta come una delle più povere e marginalizzate del Paese, poiché fortemente dipendente dalla stagione delle piogge.

Oggi, a causa delle ricorrenti siccità e inondazioni che riducono la fertilità del terreno, le coltivazioni di sorgo, arachidi e cotone sono a rischio.

Per evitare un ulteriore deterioramento delle colture, contribuiremo a migliorare le capacità produttive e di sussistenza, incoraggiando pratiche agricole resilienti alla siccità e distribuendo attrezzi agricoli, sementi di ortaggi e alberi da frutto. Inoltre, rafforzeremo l’attività pastorale investendo su una vaccinazione su grande scala del bestiame e realizzeremo interventi di riforestazione, creando vivai e fodder banks, ed educando al rispetto dell’ambiente.

COOPI ha una presenza ininterrotta in Sudan dal 2004, dove supporta le popolazioni più vulnerabili attraverso un approccio sistemico ed integrato che nel tempo si è sviluppato attraverso interventi di sicurezza alimentare, acqua e igiene, e gestione sostenibile delle risorse naturali.