Dove Lavoriamo

Iraq

Dal 2014, l’Iraq è il teatro di quella che è stata definita una delle più grandi emergenze umanitarie degli ultimi anni. I profughi in movimento dentro i confini del Paese sono circa 1,6 milioni, mentre coloro che progressivamente sono ritornati nei luoghi di provenienza sono circa 4,3 milioni al mese di giugno. Questi alti numeri mettono a dura prova il sistema dei servizi pubblici primari e creano difficoltà socio-economiche alle comunità locali.

COOPI è presente in Iraq dal 2017 con attività in favore dei profughi e delle comunità ospitanti di Qayyarah, a sud di Mosul. In questa area portiamo avanti azioni di educazione in emergenza: forniamo supporto psicologico per ridurre gli effetti traumatici del conflitto sui bambini e favoriamo il loro ritorno ai percorsi di educazione formale primaria e secondaria grazie alla riapertura di scuole nelle zone devastate dalla guerra.

Dal 2019 interveniamo inoltre con attività di Acqua e Igiene nel distretto di Shirqat nel governorato di Salah Din, ripristinando gli impianti di distribuzione e purificazione dell’acqua distrutti nel corso dell’occupazione del IS, nonché promuovendo la diffusione delle corrette pratiche igieniche e di utilizzo dell’acqua.


La SITUAZIONE IN Iraq

0 /189

ISU - Indice di Sviluppo Umano


Fonte: UNDP - Human Development Report 2019

56,3% %

Tasso di analfabetismo (% di adulti di 15 anni o più)


Fonte: UNDP - Human Development Report 2019

22.1 %

Tasso di malnutrizione infantile moderata/severa


Fonte: UNDP - Human Development Report 2019

0 %

Tasso di popolazione che vive sotto la soglia di povertà estrema


Fonte: UNDP - Human Development Report 2019

L'ATTIVITÀ DI COOPI IN Iraq

5

Progetti
Fonte: Bilancio sociale COOPI 2018

11.622

Beneficiari
Fonte: Bilancio sociale COOPI 2018

4

Staff internazionale
Fonte: Bilancio sociale COOPI 2018

2

Staff locale
Fonte: Bilancio sociale COOPI 2018

ULTIME NEWS

Iraq: siamo pronti!

Dal 2014 l'Iraq è il teatro di quella che è stata definita una della più grandi emergenze umanitarie degli ultimi anni. I profughi in...

Leggi di più arrow right